Arcieri

Gli arcieri componenti sono divisi fra i vari borghi della città così da rappresentarli come “campioni” alla Tenzone della celata che si svolge all’interno del Palio di San Donato.

Volontà del gruppo è stata quella di avvicinarsi il più possibile alla veridicità storica dell’arco medievale. Di conseguenza oltre a dotarsi di copie di costumi medievali si è dedicata attenzione anche all’attrezzatura arcieristica personale.

Grazie al fatto che uno dei componenti del gruppo è il nostro amico “mastro arcaio” Rossano Guatelli di Formigine (Mo), esperto d’archeologia sperimentale riconosciuto sia in Italia che all’estero, gli arcieri del G.S.F. di Cividale hanno imparato a costruirsi l’arco nudo seguendo tutte le antiche fasi costruttive per ottenerlo. Quindi il legno è stato tagliato nel bosco nel periodo più adatto con seguente stagionatura appropriata e finale ed accurata lavorazione manuale fino al prodotto finito. Lo stesso metodo artigianale è stato seguito per la produzione delle frecce con l’impennatura naturale e la cocca intagliata nel legno.

Gli arcieri oltre a partecipare a competizioni regionali e nazionali ove si sono sempre distinti guadagnando spesso il podio, hanno partecipato anche a manifestazioni storiche “extraurbe”.